Squilibrata come Axl Rose

Fredda come la sua pioggia di Novembre

"Time heals nothing,
it just replaces memories.”
— (via difficult)
"

Wer mit Ungeheuern kämpft, mag zusehn, dass er nicht dabei zum Ungeheuer wird. Und wenn du lange in einen Abgrund blickst, blickt der Abgrund auch in dich hinein.

Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare lui stesso un mostro. E se tu riguarderai a lungo in un abisso, anche l’abisso vorrà guardare dentro di te.

Friedrich NietzscheAl di là del bene e del male, 146.
(via euridicefattadisguardi)
"Per me, non meno che per lei, più del presente contava il passato, più del possesso il ricordarsene. Di fronte alla memoria, ogni possesso non può apparire che delusivo, banale, insufficiente…Come mi capiva! La mia ansia che il presente diventasse “subito” passato perché potessi amarlo e vagheggiarlo a mio agio era anche sua, tale e quale. Era il “nostro” vizio, questo: d’andare avanti con le teste sempre voltate all’indietro.”
Il giardino dei Finzi-Contini, Giorgio Bassani (via ilfascinonascostodellecauseperse)
Person: Hey
Me: Can you shut the fuck up.
"Non so davvero perché sono tanto triste. E questa tristezza mi stanca, e voi stessi dite d’esserne stanchi.
Ma ho ancora da sapere dove l’ho presa, dove me la son trovata, come me la sono guadagnata, di che diavolo è fatta, da dov’è spuntata. Ed essa mi stordisce così che stento a riconoscere me stesso.”
William Shakespeare, Il mercante di Venezia (via luomocheleggevalibri)
"People who say that money can’t buy happiness just don’t know where to shop.”
— Kathy Lette (via observando)
"Arrivi ad un punto in cui devi tirarti su, smettere di piagnucolare e iniziare a vivere.”
— Grey’s Anatomy (via nonsentitaabbastanza)
"E’ facile illudersi quando si é da soli, uno può anche inventarsi una personalità, mostrarsi saggio, contegnoso, fingere di avere una risposta a tutto, ma poi in mezzo alla gente é tutto diverso, ti senti sotto esame, ecco, allora non sei più tanto contegnoso, e nemmeno tanto saggio, a volte sei un povero cretino e dici cose senza senso.”
— Paradiso e Inferno, Jón Kalman Stefánsson (via c-est-tangerine)
"Sei uno che per principio non s’aspetta più niente da niente. Ci sono tanti, più giovani di te o meno giovani, che vivono in attesa d’esperienze straordinarie; dai libri, dalle persone, dai viaggi, dagli avvenimenti, da quello che il domani tiene in serbo. Tu no. Tu sai che il meglio che ci si può aspettare è di evitare il peggio.”
— Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore (via doppisensi)
©